Rum

Per prima cosa si produce lo zucchero da canna: Le canne da zucchero vengono schiacciate in apposite presse costituite in sostanza da due rulli. Il succo viene cotto più volte e liberato da impurità. Sotto i pentoloni ardono le "bagasse", le canne pressate e seccate dello zucchero. Quando la melassa che si ricava con questo procedimento si raffredda, in superficie si formano i cristalli color ambra dello zucchero da canna. Dopo un ulteriore raffreddamento la crosta di zucchero viene separata dalla melassa. A quest'ultima vengono aggiunte un po' di acqua e delle colture di lievito, le quali trasformano lo zucchero rimasto in alcool. A seguito di questo processo biochimico, l'alcool viene separato dalla melassa tramite distillazione. Questo rum grezzo ed incolore viene maturato in fusti di legno appositamente preparati. Grande importanza riveste la qualità del legno delle botti, poichè il legno dona al rum l'aroma ed un colore che può variare dall'ambra al marrone scuro. L'aroma definitivo viene raggiunto con il cosiddetto "blending". Le varie distillerie mescolano (oppure no)le diverse annate secondo le loro ricette segrete. Il rum bianco o non ha potuto affinarsi in fusti di rovere, oppure è molto giovane. Attenti però: alcuni produttori utilizzano anche zucchero caramellato per ottenere rum marrone a basso costo. Il colore scuro di un rum perciò non sempre è una garanzia di qualità.
Pagina 1 di 1
Articolo 1 - 3 di 3